mercoledì 4 novembre 2015

OLTRE IL VERSO DELLA SIEPE

                                                                        
                                                


In quella vulnerabilità
dalla sottigliezza estrema
che per la prima volta
percepisco in te
azzero lo spazio ruvido
che ti avevo riservato
Voglio donarti
una folata bollente di dolcezza…
perché solo tu
nello squilibrio di cieli
sai precipitarmi
in occhi persi
quel tempo d’osceno sublime
adulatore di pastose cronache
vissute oltre il  verso della siepe

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati giugno 2014


10 commenti:

  1. Percepire l' emozione di chi ci attira, è un momento dolcissimo, al punto che si abbandona ogni timore...splendido portare, complimenti!

    RispondiElimina
  2. Sinfonia di emozioni brava Silvia, come sempre.
    Buon mercoledi
    Maurizio

    RispondiElimina
  3. Ciao Silvia, questa tua poesia è meravigliosa.. di travolgenti emozioni... ciao, Anto.. Un abbraccissimo

    RispondiElimina
  4. Percepire la dolcezza e la vulnerabilità di chi ci è vicino è prova di sensibilità verso la persona amata. Assecondando il suo essere ed il suo desiderio si proveranno più travolgenti emozioni. Lirica molto bella che incanta alla lettura. Brava come sempre poetessa. Ti auguro una serena serata e t'invio un abbraccio!
    Grazia Denaro

    RispondiElimina
  5. Rosa Santinelli
    ciao silvia lirica molto dolce e positiva , in un rapporto ognuno da qualcosa per completarsi a vicenda, sforzarsi di capirsi per raggiungere una sintonia, penso, ciao grazie buna giornata rosa.)

    RispondiElimina
  6. Franco Sbuffa
    Incantevole questa tua. Ricolma d'amore, dolcezza e passione... Brava come sempre.

    RispondiElimina
  7. Enrico Garrou
    Grande passione. Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Delicatissima questa tua poesia che rivela la conoscenza della vulnerabilità di chi ti è accanto.

    RispondiElimina
  9. Olá Silvia.
    A cada visita, deparo-me com um belo poema seu, como este, com este epílogo:

    "quel tempo d’osceno sublime
    adulatore di pastose cronache
    vissute oltre il verso della siepe"

    Parabéns.
    Abraços.

    RispondiElimina
  10. La passionalità vissuta come solo tu sai renderla adorabile Silvietta.
    Bacio soave!

    RispondiElimina