sabato 31 ottobre 2015

RUGIADA E TEQULA

                                                


Stenta ad azzerarsi
l’odore di te
nei lembi d’epidermide
mossi da eccedente vertigine
che acclami
con dolcezza
la motivazione d’un misfatto d’amore
Improponibile alla ragione
ne accentua la brama
nell’epilogo sviscerato d’un grido
sul vortice di gambe assiemate
frementi
al rintocco di rugiada e tequila

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati febbraio 2014

10 commenti:

  1. Che dire, sempre molto belle le tue poesie, complimenti cara Silvia e buon fine settimana, Angelo.

    RispondiElimina
  2. C'è in questi bellissimi versi la molle sensualità del dopo amore.

    RispondiElimina
  3. Rosa Santinelli
    Ciao Silvia, lirica molto musicale raffinata e sensuale, bellissima complimenti, ciao grazie buon sabato baci rosa,)

    RispondiElimina
  4. Franco Sbuffa
    Una persona che sa scrivere, tormento, pena amore ecc..., scrive come te!. Come sempre, molto incisiva e vestita di bravura.

    RispondiElimina
  5. Paola Romani
    un sorso che inebria ,Buon sabato Silvia sempre leggendoti

    RispondiElimina
  6. Dopo l'amore, continua quell'odore che si è insinuato nelle nari emanato dall'epidermide del partner. Gambe incrociate ed abbracci che continuano a stuzzicare il desiderio non del tutto sopito che dona ancora fremiti di passione. Brava come sempre nei tuoi ricamati sempre pregni di nuova inventiva. Complimenti Poetessa. Ti auguro un sereno sabato sera e t'invio un grande abbraccio poetessa.
    Grazia Denaro

    RispondiElimina
  7. Olá, Silvia.
    O seu "Rugiada e Tequla" fala de amor com viva sensualidade, um toque comum em seus poemas. Parabéns.
    Um bom final de semana.
    Abraços.

    RispondiElimina
  8. Mi ricordano tanto questi tuoi versi cara Silvietta le canzoni di Paolo Conte, questo dire e no dire , ma far intendere con sensualità e raffinatezza..
    Bravissima...
    Bacio soave!

    RispondiElimina
  9. Nel titolo - come spesso succede - è racchiusa l'anima di questo brano, che ancora una volta ricorre alla metafora, per descrivere il ricordo di un vorticoso amplesso.
    Complimenti.

    RispondiElimina