venerdì 5 dicembre 2014

NELL'ASSORTO

                                                                         
Come diga essicata

giace

inerme

un rimasuglio d’amore

Dita di sabbia agli occhi

per non più recepire

la malleabilità di vellutate schermaglie

ordite nell’amplesso…

Si sbriciolano ora

fra costole fragili

dondolanti

sulla nenia di petali sfioriti

dentro docile cantico autunnale

indossato

nell’assorto

sul far d’un indolente crepuscolo



Silvia De Angelis tutti i diritti riservati novembre 2014



9 commenti:

  1. Marta Giaccaglia Bellissima Silvia, buona giornata

    Rosa Maria Giorgio Stupenda

    Agnese Giallongo Stupenda Lirica meravigliosa

    Renato Fedi Apprezzata

    Rosa Santinelli ciao Silvia, bellissima descrizione e paragone del crepuscolo autunnale con l'avanzare del crepuscolo della vita, molto suggestiva complimenti, ciao baci rosa, buna giornata.)

    Silvia De Angelis Grazie a tutti, buon venerdì

    Borciu Antonello Buongiorno cara Silvia...meravigliosa come sempre....buona giornata

    RispondiElimina
  2. Bellissime parole come sempre.. Brava Silvia
    Un abbraccio Palermo

    RispondiElimina
  3. Paola Romani l'arte della poesia è ritrovare e ristrovarsi nella suggestione di amplessi di parole,come sempre bravissima..

    RispondiElimina
  4. Marilena Borioni bravissima poetessa è meravigliosamente bella...

    RispondiElimina
  5. Grande Silvia!
    Un abbraccio da Beatris

    RispondiElimina
  6. Livia Fedele Ma che bella! Sei grande, Silvia!

    RispondiElimina
  7. Dita inermi, sabbia negli occhi, petali sfioriti..ecco qui l'anima mia..
    Ti stringo forte dolcezza!

    RispondiElimina
  8. Grazia Denaro E' bello leggerti!

    Fiorella Canuto L'amore che avanza anche sul far del tramonto. Versi bellissimi!! Buona serata Silvia..

    RispondiElimina
  9. Un poetare che entra nella ossa tant'è profondanel tempo la consapevolezza di veder sfumare l’amore. Rivisitazione le schermaglie degli amplessi, che come sabbia cadono dalla clessidra a disperdere il bel tempo che fu. Ora avvolti nella scia del crepuscolo, quegli ardori toccano costole fragili e non più ergono come rigidi petali al tramonto d’inoltrata giovinezza. Un bel poetare quest’essenza di versi, di sicuro farà fiorire essenza d’amore.

    RispondiElimina