Translate

domenica 15 dicembre 2013

NELLO STUPORE DELLA NOTTE

                                          
                                                

Nei sogni abbarbicati di macramè argentato
si congiungono sedimenti di passione
sussurrata dal vissuto espressivo del volto tuo
Mormorano folate di respiri trasparenti
e intricate seduzioni avvolgenti eterei sigilli
in quel gioco esistenziale sottomuro
perduto in penombre d'insonnia e pungente malizia
nel riviverti in sorsi di parole e madida brezza
bisbiglianti d'intime intese
Svelano controluce il battito d'un tempo ostentato...
spezza tra le dita
il baciarsi l'anima nello stupore della notte

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati maggio 2011

8 commenti:

  1. ciao Silvia, pensieri poetici molto eleganti e passionali, che descrivono, penso, una situazione non fine a se' stessa, ma un'unione solida in cui ritrovarsi, che perdurera' nel tempo, una fusione d'anime , complimenti, ciao baci buona domenica.) rosa

    RispondiElimina
  2. Bellissime emozioni d'amore, in una notte stupenda....
    Saluti,Marco

    RispondiElimina
  3. Grande romanticismo in questi dolci versi, un abbraccio, Elisa

    RispondiElimina
  4. Grazie infinite delle vostre gradite osservazioni, buona serata, silvia

    RispondiElimina
  5. Ogni notte ha il suo delicato profumo – riviverla lascia sempre una differente sensazione alla quale non possiamo fare a meno di attaccarci.Berta Biagini

    RispondiElimina
  6. Bellissimi versi, che io cerco sempre di materializzare senza esito nel torpore della notte...
    Forse dovrei attendere il giorno? Chissà!!!
    Bacio dolcezza mia...

    RispondiElimina
  7. La notte regina dei sogni, ladra di passioni di sentimenti, di magnifiche storie d’amore tutte immagini avvolte d’argenteo ricamo nella memoria, cellule che rivivono quei momenti indimenticabili, subentra nel tormento il piacere di ricordarle, come in questa lirica descriventi vive sensazioni, mormorate dall’espressiva mimica di un volto vissuto. Ecco che nella giostra esistenziale riemergono in sottotono mormorii nella penombra, insonnia amalgamata da piacevoli scenari dipinti da una malizia appassionante ed inondante brezza di ricordi, accomunate parole intime che esaltano il battito di un pendolo antico, un altalenarsi nel giocoso momento spezzato tra dita del notturno turbamento. Ciao Silvia!

    RispondiElimina
  8. Spesso la notte ti è amica, ma diventa matrigna quando materializza pezzi del tuo passato rendendoli vivi, per poi farti capire che è solamente una visione....
    Bacio Silvietta!

    RispondiElimina