Translate

sabato 27 luglio 2013

ALLA RICERCA DI DOLCEZZA

                                            


Nella bacheca del sentimento
hai ragguagliato
un primato degradante
nell’isolamento
dai tessuti dell’umanità
Superflua la tua insulsa levatura
nel record di siffatta specie
Distilla  gocce acuminate di disamore
e aromi di cinismo
nel transito nefando
fatto essenza
Smorza l’enfasi d’amore
decadente
sull’adagio d'un respiro
Nel ticchettìo d’un pensiero costante
la languidezza si tramuta
in un rigurgito amaro
disperso in un baricentro
alla ricerca di manciate di dolcezza
per non morire dentro

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati maggio 2013

18 commenti:

  1. ciao Silvia, bellissima ed articolata descrizione dell'aridita' maschile, il non coinvolgimento, in poche parole, l'egoismo che li caratterizza e di cui vanno fieri, scambiandolo per amore, abbiamo bisogno si sentimenti, di dolcezza, che completino il quadro di un rapporto sincero, non solo materialistico,che ci lasci l'amaro in bocca, secondo me,complimenti bacioni a presto rosa, buon sabato.)

    RispondiElimina
  2. Grazie dell'articolato e denso commento Rosa, ad una lirica scritta assai spontaneamente, visto l'argomento che tocca...
    Buon sabato e un bacione, silvia

    RispondiElimina
  3. Affronti con abilità tutti i temi d'amore, complimenti, Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del commento, Marco, buon sabato e un saluto,silvia

      Elimina
  4. Non credo che si possa mai cancellare l’amarezza che si legge in questi versi – da che mondo è mondo il sentire di chi scrive e di chi legge non trova via scampo a quel qualcosa capace soltanto di fare soffrire. Ogni delicatezza rimane accantonata in un angolino – sofferenza atroce che tocca ogni anima. Berta Biagini

    RispondiElimina
  5. Molto accurato, e rispondente alla realtà, il tuo denso commento di oggi, Berta, grazie infinite.
    Vivi un bel sabato colorato, silvia

    RispondiElimina
  6. Una riflessione amara su chi si isola dagli altri per disamore o cinismo.Forse solo per la sofferenza interiore di non avere compreso il perchè del vivere...lirica profonda nel tuo sentire sensibilissimo le sfumature dei sentimenti altrui! Complimenti, leggerti è bellissimo! Buon fine settimana Silvia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissime le tue parole di commento di oggi, cara Rosanna, che mi risulano ancor più gradite in una giornata un pò stonata....
      Buon sabato e un bacione, silvia

      Elimina
  7. Ho sempre pensato che la dolcezza come l'amore , come l'affetto e l'amiciza , siano doni insostituibili nella vita di ognuno di noi.
    Purtroppo e molto frequentemente non è così.
    Ci sono mancanze spaziali che ci annullano dentro, che rompono il cerchio della nostra vita anche se continua a girare...
    Magnifici versi, come sempre!
    La tua più fedele ammiratrice con tutto il bene del mondo!::))

    RispondiElimina
  8. Davvero bellissimo, e molto gradito, il tuo commento di oggi, cara Nella...grazie infinite
    Vivi una bella domenica spensierata e colorata di emozioni, un bacio, silvia

    RispondiElimina
  9. ciao Silvia bellissimo il nuovo haeder, complimenti.
    ciao mi sto squagliando, baci rosa a presto.) buon pomeriggio.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della tua presenza, carissima, buon pomeriggio e un mucchio di cose belle, silvia

      Elimina
  10. Che bella la nuova veste del tuo blog, Silvia. A domani, sono stanchissima tra passeggiate e caldo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della visita, e delle intense osservazioni, mia cara.
      Oggi è un altro giorno e sarai in piena forma, un abbraccio, silvia

      Elimina
  11. L’isolamento sociale, spesso è dovuto a negative esperienze relazionali; col passar del tempo porta l’individuo al disadattamento irreversibile. Cosparso di solitudine, tende ad allontanarsi sempre di più, fino a diventare una larva che striscia col rischio di essere schiacciato da un cinismo collettivo. Complice è una società portatrice di gelo in queste anime erranti senza dimora. Sempre più atroce diventa la sofferenza che si manifesta con reazioni spesso tediose, fino a tracimare in lacrime di stizza più che di dolore. È una sorta di ribellione a un disamore collettivo, nel transito di un sistema cinico e nefando. In realtà nell’amarezza di un profondo respiro che appanna vetri, c’è l’attesa di qualcuno che sbrini quella patina opaca, che nasconde la speranza di anime pie, a suffragare parole d’amore mai ascoltate. Come sempre, cara Silvia i tuoi scritti aprono le porte a copiosi commenti. Un caro saluto.

    RispondiElimina
  12. Davvero capillare, e rispondente alla realtà della vita attuale, il tuo bel commento, Giovanni.
    Condivido a pieno il significato di quanto hai voluto trarre
    dai versi della mia lirica.
    Abbi una sera fresca, un caro saluto, silvia

    RispondiElimina
  13. Silente solitudine chiusa in uno scrigno di luce
    l'amore può far molto, la mente di piu. Dolce giornata Silvia
    Maurizio

    RispondiElimina
  14. Condivido a pieno il contenuto delle tue osservazioni a questa lirica, Mau.
    Grazie di esserci, un saluto, silvia

    RispondiElimina