martedì 2 luglio 2013

A S T I O

                                        


Non amo perdermi
in fili ramati d’odio
inutile intrattenimento
statico
e logorante
il presupposto di dolcezza
e comprensione verso te
Eppure barricandoti
nell’ involucro di solenne negatività
hai estenuato in me
quel fragile arco sentimentale
esile appiglio d’un amore stantìo
in bilico su fragili palpiti…
Precipitati nel vuoto
hanno faticosamente risalito la china
tramutati in arcigna acredine
soffiata d’ astio totale

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati maggio 2013


13 commenti:

  1. Ciao Silvia, altra bellissima situazione di vita in poesia, in amore non bisogna dare niente per scontato e non bisogna subire l'aridita' e l'egoismo del patner, se non si da, alla fine non si riceve, quindi il sentimento inevitabilmente si trasforma in odio e rancore, ciao grazie buona giornata rosa, a presto.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero sentito, e immerso nella realtà sentimentale, il tuo gradito commento di oggi..
      Bacioni immensi, silvia

      Elimina
  2. Un poetare vibrante intriso di ribellione verso chi con atteggiamenti scostanti e ingiusti, riesce a fare emergere note di blanda cattiveria, che pure non ci appartengono...bellissima e profonda Silvia! Buona giornata e un raggio di sole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Rosanna, delle belle parole di commento a questa lirica, redatta in un momento particolare di risentimento.
      Vivi un gran benessere nelle tue verdi montagne, silvia

      Elimina
  3. Soave necessità d'esistere fuori dagli schemi della vita..l'astio non copre primavere.
    Buon pomeriggio Silvia
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto particolare, e sentito, il tuo bel commento di oggi, Mau.
      Buon pomeriggio e saluti dal mare, silvia

      Elimina
  4. Ciao Silvia,
    noto che sei un'autrice feconda ed i tuoi brani poetici si susseguono quasi senza soluzione di continuità. In quelli testè proposti è evidente il sentimento di acredine che li sorregge. La tua è ancora una volta una prova riuscita, di cui mi è piaciuto in modo particolare l'incipit: " Non amo perdermi / in fili ramati d’odio / inutile intrattenimento / statico e logorante".
    Qui oltre al bello stile è da apprezzare la verità per cui l'odio ha un'aspetto ramato e tutto sommato attrattivo, seducente.
    Ti auguro una magnifica serata.

    RispondiElimina
  5. Davvero appagante, e inerente il senso che ho voluto dare a questa lirica, il tuo saggio commento di oggi...
    Grazie infinite, trascorri anche tu, una magnifica sera, silvia

    RispondiElimina
  6. mi sembra vestita su me questa tua poesia ...solo che alla fine ho usato l'indifferenza (arma migliore) ...bellissma questa ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo che l'indifferenza, in ogni caso, sia un'ottima linea da seguire...
      Bacioni dal mare, foreverme, silvia

      Elimina
  7. Come si possa rappresentare in rima l'astio in tutta la sua dirompente aggressività, solo Silvia , nella solita maniera originale e informale, dotata di notevole maestria, ce la può regalare..
    L'acredine e tutto ciò che ne consegue è una brutta bestia soprattutto per noi stessi..
    Ti adoro, Silvietta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie delle bellissime osservazioni, citate nel tuo commento di oggi, Nella.
      Un abbraccissimo, silvia

      Elimina
  8. A volte non è facile creare qualcosa di nostro quando il contorno si colora d’una luce alla quale non vorremmo mai appartenere – dice che nella vita bisogna essere pronti a tutto, ma trovo questo molto molto difficile. Berta Biagini

    RispondiElimina