lunedì 6 maggio 2013

A CONCLUSIONE...



Quella tua parata d’amore
addolcita
da piccole melenserie amaranto
non desta più rumore
nei rintocchi di sere usurate di noia
Nè smove polpacci
fermi sull’uscio d’un’emozione
sbiadita da voragini
e incrostazioni di sensi
zig zaganti per strade indefinite
In quella manciata di sillabe
che proferisci stancamente
va alla alla deriva
il mio sé
logoro
d’ impatti diafani
e insostenibili
nella bacheca di cadenze che contano

Silvia De Angelis tuti i diritti riservati aprile 2013

10 commenti:

  1. Ormai non c'è nessun appiglio che irradi il sentimento che dia afflato al cuore, tutte le parole, i gesti, sono melenserie che non servono
    a ricompattare il rapporto ma larvatamente procrastinano la verità latente che ormai non lega più niente, l'amore s'è dissolto . Come sempre, cara Silvia, hai sviscerato un'altra sfaccettatura che può prendere una storia d'amore. Ti auguro una serena giornata, ti mando un grande abbraccio!
    Grazia Denaro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero accurato, e vicinissimo al senso della lirica, il tuo bel commento di oggi Grazia.
      Vivi un giorno spensierato in questa pazzarella primavera, un abbraccio, silvia

      Elimina
  2. Svariate sensazioni, nelle tue poesie d'amore, ma sempre colme di
    tratti emozionanti. Saluti, Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie delle gradite osservazioni, Marco, buon lunedì e un sorriso per te, silvia

      Elimina
  3. Ciao Silvia, la conclusione viene da se, in rapporti esauriti e stanchi, il nostro sesto senso ci avverte subito e capiamo che le cose hanno preso un'altra piega, anche se si vuole talvolta insistere, dall'altra parte,ma invece di essere contente ci sentiamo peggio, svuotate, quindi meglio chiudere e guardare altri orizzonti che ci diano qualcosa di positivo, molto bella la tua descrizione come sempre, ricca di parole particolarmente clementi che rendono i quadri poetici piu' dolci di quello che sono in realta', ciao grazie buona settimana rosa.))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi trovi vicinissima ai tuoi pensieri, con queste "intelligenti osservazioni", che aiutano a prendere le decisioni più idonee, quando un rapporto giunge al termine...
      Grazie di leggermi, vivi delle splendide ore pomeridiane, un abbraccio, silvia

      Elimina
  4. Splendido poetare! Amarezza e insoddisfazione in versi affascinanti e bellissimi! Buona giornata Silvia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre bello leggerti fra le mie righe, Rosanna, un abbraccissimo, silvia

      Elimina

  5. Un amore usurato nel tempo svanisce, lascia indenne un cratere che bolle. Un magma ancora vivo non può essere spento dalla routine dei finti orgasmi, sono perpetue consumazioni sull’uscio di inutili attese.
    Un amore usurato nel tempo svanisce, lascia indenne un cratere che bolle. Un magma ancora vivo non può essere spento dalla routine dei finti orgasmi, sono perpetue consumazioni sull’uscio d'inutili attese.
    Nessuna parola "accattivante" potrà innescare nuove emozioni, propedeutiche all’estasi del piacere, anche se con rose incoronate, il fine è lo stesso, una trama già vista con noiosi rintocchi floreali. Nessun capitolo dello stesso libro smuove un corpo addormentato dalla monotonia. Sempre abile poetessa a trasdurre in poesia relazioni d’insiemi concettuali, tali da innescare in noi lettori una personale spazialità d’intenti, labirinti del pensiero o fantasie che danno una chiave di volta alla lettura. Buon pomeriggio Silvia.


    RispondiElimina
  6. Capillare ,e molto intenso, il tuo commento di oggi, Giovanni, a questa lirica d'amore, da cui trapela una manifestazione di tristezza per la fine di un amore.
    Grazie infinite, delle tue osservazioni, vivi anche tu un bel pomeriggio, silvia

    RispondiElimina